Expo, un’orgia di spreco. Parola di tedesco

L’EXPO MESSA A NUDO

76f282a829690ca37404aeeb1d5a0980_L

La “Frankfurter Allgemeine Zeitung” è un quotidiano abbastanza conservatore, colto e prestigioso. Fa perciò una certa sensazione la stroncatura dell’Expo pubblicata il 1 maggio (N. Maak, “Die Expo in Mailand: hier ist keine Allegorie zu schief”). Dopo le inevitabili informazioni sulle consuete magagne di casa nostra (corruzione, impreparazione, corsa contro il tempo per ultimare l’allestimento ecc.), l’articolo si concentra sulla sostanza, e cioè un’esposizione che vorrebbe curare il mondo (“Nutrire il mondo, energia per la vita” recita modestamente il suo slogan ), ma che è soprattutto “uno spreco orgiastico di materiali di dimensioni epocali” (Materialverschwendungsorgie von epochalem Ausmaß). Un’orgia di acciaio, cemento, vetro e plastica che ridicolizza l’ideologia unanimistica che vorrebbe mettere insieme MacDonald e agricoltura bio, ogm e cucine del territorio. Infatti, i padiglioni non sono altro che vetrine in cui gli stati diversi espongono le loro mercanzie e, al massimo, stili nazionali: piante di riso chicchi di caffè, macchine agricole e così via. Nessuna proposta sostenibile o a bassa tecnologia viene da questa fiera del consumismo per happy few travestita da soluzione globale. Così, al netto della retorica nazional-renziana della “ripartenza italiana” (una “narrazione” che, giorno dopo giorno, si rivela sempre più vacua e fastidiosa), dei feroci black bloc e dei milanesi che si rimboccano le maniche, quello che resterà tra sei mesi, molto probabilmente, saranno edifici abbandonati, insegne penzolanti e montagne di cartaccia, plastica e vetri rotti.

Quattordici miliardi di Euro buttati al vento, senza aver nutrito nessuno, ovviamente. Questo era uno dei messaggi della manifestazione anti-Expo, se le imprese dei guerriglieri caserecci vestiti di nero non l’avessero cancellato. Per fortuna, c’è un quotidiano conservatore a ricordarcelo.

Annunci

Informazioni su HDMarsil

L' informazione deve essere libera di viaggiare senza filtri, condizionamenti e manipolazioni. Come un raggio che si riflette su una superficie levigata, rimbalza, si espande.

Pubblicato il 4 maggio 2015 su Il raggio riflesso. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: