A ciascuno secondo i propri bisogni, da ciascuno secondo le proprie sottomissioni

ad797ea0f1f2d3d04081f8752f8b304d86468a18_m

Lilith Jaywalking
«Finii il secondo bicchiere, me se servii un terzo. Dalla finestra vedevo il sole tramontare sull’arena; il silenzio cominciava a farsi un po’ imbarazzante. Bene, lui voleva scoprire le carte, e allora anch’io.
“Comunque c’è una condizione… — dissi prudentemente — Una condizione non insignificante”.
Annuì lentamente.
“Secondo lei… secondo lei sono uno che può convertirsi all’islam?”.
Chinò la testa come per sprofondare in intense riflessioni personali; poi, rialzando lo sguardo su di me, rispose: “Sì”.
Dopo un istante, ecco di nuovo il suo grande sorriso luminoso, candido. Era la seconda volta che ne beneficiavo, lo choc fu un po’ meno forte; ma quel sorriso continuava a essere terribilmente efficace. Comunque adesso toccava a lui parlare. Trangugiai una dopo l’altra due focaccine, ormai tiepide. Il sole sparì dietro i gradoni dell’anfiteatro, la notte invase l’arena; era incredibile pensare che lì, duemila anni prima, si fossero davvero svolti combattimenti di gladiatori e belve feroci.
“Lei non è cattolico, cosa che avrebbe potuto costituire un ostacolo…” — riprese lui, sommessamente.
No, infatti; quello proprio no.
“E penso che lei non sia neanche realmente ateo. I veri atei, in fondo, sono rari”.
“Dice? Io invece ero convinto che nel mondo occidentale l’ateismo avesse una diffusione universale”.
“Secondo me soltanto in superficie. Gli unici veri atei che abbia conosciuto erano dei ribelli; anziché limitarsi a constatare freddamente la non-esistenza di Dio, quell’esistenza la rifiutavano, alla maniera di Bakunin: ‘E anche se Dio esistesse, bisognerebbe disfarsene…’ insomma erano degli atei alla Kirilov; rifiutavano Dio perché al suo posto volevano mettere l’uomo, erano umanisti, avevano un alto concetto della libertà umana, della dignità umana. Immagino che non si riconosca neanche in questo ritratto, vero?”.
No, infatti, neanche in quello; già solo la parola umanesimo mi metteva una leggera voglia di vomitare, ma forse erano le focaccine, avevo esagerato pure con quelle; presi un altro bicchiere di Meursault per farmela passare».
(Michel Houellebecq, Sottomissione)
Annunci

Informazioni su HDMarsil

L' informazione deve essere libera di viaggiare senza filtri, condizionamenti e manipolazioni. Come un raggio che si riflette su una superficie levigata, rimbalza, si espande.

Pubblicato il 28 agosto 2015 su Il raggio riflesso. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: