All’altezza della situazione?

tumblr_m32e19BxLf1qzio10o1_500

( Articolo Condiviso )

All’inizio si stenta a crederci — sembra proprio uno scherzo. Eppure la notizia è lì, riportata dai principali organi di informazione. In fondo, perché non credere che le cose siano andate così?
La mattina dello scorso 23 febbraio a Calenzano, alle porte di Firenze, la polizia è intervenuta per sgomberare un edificio abbandonato della ASL, occupato da alcune famiglie di migranti. Iniziato alle otto del mattino, pare che lo sgombero sia avvenuto senza intoppi. I migranti sono stati messi lì, sulla strada, in attesa di essere accompagnati ai centri di assistenza. Fra loro, tre mamme e quattro bambini. Le ore passavano, nessuno arrivava a prelevarli e loro erano sempre lì, senza cibo né acqua. Cosa sia successo, lo lasciamo raccontare alla struggente prosa del giornalista di turno: «Vista la situazione, è bastato un rapido sguardo tra gli agenti della digos a far scattare la colletta. Raccolti circa quaranta euro, i poliziotti sono andati nel più vicino supermercato e hanno comprato acqua, omogeneizzati e altri alimenti».
Cuori nobili e generosi, prima li buttano fuori di casa e poi li soccorrono per non lasciarli morire di fame e di sete lì in mezzo alla strada. Ci vengono le lacrime agli occhi dalla commozione, ci vengono…
Dopo la conflittualità alternata, ci viene propinata anche la repressione alternata. A ben pensarci, non è tanto strano. Se sta funzionando la prima nell’insegnare a distinguere fra politici buoni e politici cattivi, perché non la seconda nell’indicare lo sbirro (occasionalmente) buono da non confondere con quello (sempre) cattivo?

 

Annunci

Informazioni su HDMarsil

L' informazione deve essere libera di viaggiare senza filtri, condizionamenti e manipolazioni. Come un raggio che si riflette su una superficie levigata, rimbalza, si espande.

Pubblicato il 26 febbraio 2016, in Il raggio riflesso, informazione e cultura con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: