Archivi Blog

Terza Guerra Mondiale

Schermata del 2018-03-19 11:11:44

( Dal Web )

In un recente articolo Paul Craig Roberts torna a parlare di Terza Guerra Mondiale, accusando la Russia di essere troppo pusillanime verso l’aggressiva politica USA: nella velleità di essere riconosciuta come parte dell’Occidente, secondo Roberts la Russia non completa mai il lavoro, ma lascia sempre uno spiraglio aperto agli USA, sperando di ingraziarseli, mentre di fatto concede a Washington un altro giro per prevalere nel conflitto che Washington ha iniziato. Questo è quello che è successo in Siria, dove la guerra rischia di riaccendersi, e in Ucraina. E nel frattempo in Occidente continua l’escalation della propaganda: non passa giorno senza che la Russia venga accusata di cyber-attacchi, ingerenza nelle elezioni dei paesi occidentali, addirittura sovversione della democrazia. E col caso Skripal si è fatto un nuovo salto di qualità, andando vicini ad accusarla di terrorismo di stato. Insomma, quel che sembra una preparazione dell’opinione pubblica occidentale alla Terza Guerra Mondiale che Roberts paventa.

 

 

di Paul Craig Roberts, 13 marzo 2018

 

“In un conflitto nucleare, il ‘danno collaterale’ sarebbe la fine di tutta l’umanità” – Fidel Castro

 

I russi, nell’ansia di mostrare all’Occidente quanto sono amichevoli, hanno lasciato mettere a Washington un piede nella porta in Siria, e Washington lo sta utilizzando per ricominciare la guerra. L’insuccesso russo nel finire il lavoro ha lasciato i mercenari stranieri di Washington, che la stampa prezzolata americana fa passare per “combattenti per la libertà”, nell’enclave siriana. Perché la guerra ricominci, Washington deve trovare un modo di andare in aiuto dei suoi mercenari.

 

Il regime di Trump ha trovato, o così pensa, la sua giustificazione per tornare alla falsa accusa del regime di Obama alla Siria sull’uso di armi chimiche. Questa bugia, inventata di sana pianta dal regime di Obama, è stata messa a tacere dall’intervento della Russia, che ha assicurato che non c’erano armi chimiche siriane. Infatti, se la memoria ci assiste, la Russia consegnò le armi chimiche agli USA perché fossero distrutte. Ci sono pochi dubbi che Washington le abbia ancora e che ne userà alcune, con i loro contrassegni siriani, in quello che appare come un attacco false flag imminente di cui potrà essere accusato Assad. In altre parole, Washington creerà un “momento critico”, ne incolperà Assad e Putin, e – con o senza l’autorizzazione del Congresso – inizierà l’intervento americano per conto dei suoi mercenari.

 

Se possiamo credere a James Mattis, il generale degli US Marine in pensione che è Segretario della Difesa, la Siria, un paese senza armi chimiche e che non ne ha bisogno nelle sue operazioni di rastrellamento contro i mercenari di Washington, sta usando gas cloro “contro il suo stesso popolo”, esattamente la stessa frase usata dal regime di Obama quando tentò di orchestrare una giustificazione per l’attacco in Siria. Mattis ha detto di ricevere resoconti sull’uso di gas cloro da parte di Assad, mentre contemporaneamente sostiene che non ci sono prove dell’uso di gas, ancora meno da parte dell’esercito siriano.

 

Il Segretario della Difesa in realtà ha accusato la Siria di “prendere di mira gli ospedali” col gas cloro, anche se ammette che non ci sono prove. Mattis ha continuato accusando la Russia di complicità nell’uccisione di civili, un’impresa nella quale gli USA eccellono.

 

Stephen Lendman riferisce che il direttore della CIA Pompeo “ha suggerito che potrebbe essere prossimo un attacco statunitense alle forze siriane, dicendo che Trump non tollererà attacchi con armi chimiche, aggiungendo che non ha ancora preso una decisione riguardo all’ultimo resoconto sull’uso di gas cloro”.

 

Il Segretario di Stato Tillerson si è unito alle accuse, anche se ammette che non ci sono prove.

 

Naturalmente non c’è stato nessun uso del gas cloro, se non da parte dei mercenari supportati da Washington. Ma i fatti non sono importanti per Washington. Quel che è importante è la richiesta di Israele che Washington distrugga la Siria e l’Iran per sbarazzarsi dei sostenitori di Hezbollah, in modo che Israele possa impadronirsi del Libano del sud.

 

Nessun dubbio che ci siano altri interessi nella trama. Le compagnie petrolifere che vogliono il controllo delle ubicazioni dei gasdotti e degli oleodotti, i pazzi neocon sposati alla loro ideologia dell’Egemonia Mondiale Americana, il complesso militare/della sicurezza a cui servono nemici e conflitti per giustificare il proprio enorme bilancio. Ma è la determinazione di Israele a espandere i suoi confini e le sue risorse idriche che mette in moto tutti i conflitti del Medio Oriente

La Russia questo lo capisce, o il governo russo è troppo assorbito dall’ottenere prima o poi l’accettazione occidentale per essere parte dell’Occidente? Nel secondo caso, il mondo sta andando verso una guerra nucleare. Il governo russo non sembra capire che le sue pavide risposte stanno incoraggiando l’aggressione di Washington e così conducendo il mondo alla guerra finale.

 

Ogni qual volta la Russia fallisce nel finire il lavoro, come in Siria e Ucraina, non si conquista l’amicizia di Washington, ma concede a Washington un altro giro per prevalere nel conflitto che Washington ha iniziato. Washington non rallenterà fino a quando i suoi piani non saranno fermati, quello che la Russia non sembra disposta a fare. Di conseguenza, Washington continua a guidare il mondo verso la guerra nucleare.

 

Quand’è che i russi si accorgeranno che letteralmente tutti nel regime di Trump li stanno minacciando? Mattis, Tillerson, Nikki Haley, la portavoce del governo, il Primo Ministro e il Segretario agli Esteri del Regno Unito. Tuttavia i russi ancora parlano dei loro “partner” e di quanto vogliano avere buoni rapporti con l’Occidente.

 

Non c’è alcuna possibilità che i britannici vadano in guerra contro la Russia. L’intero Regno Unito verrebbe immediatamente cancellato, eppure il Primo Ministro britannico dà ultimatum alla Russia.

 

Qui quello che Finian Cunningham ha da dire sul Primo Ministro britannico che minaccia la Russia:

 

Data la loro radicata agenda anti-russa, hanno molto più interesse le autorità britanniche a vedere Skripal avvelenato di quanto ne abbia mai avuto il Cremlino.

 

E mentre siamo nella modalità “chi è stato?”, un’altra possibile importante traccia è questa: se il Venomous Agent X (VX) fosse stato usato per danneggiare l’ex spia russa, gli esecutori ne avrebbero avuto un comodo serbatoio col quale portare a termine le loro azioni.

 

Il laboratorio top secret di armi chimiche della Gran Bretagna a Porton Down è a sole sei miglia di distanza da Salisbury, dove Skripal e sua figlia sono stati apparentemente assaliti la scorsa domenica pomeriggio. Porton Down è il laboratorio in cui il VX è stato originariamente sintetizzato negli anni ’50. Rimane una delle armi chimiche più letali mai inventate. Ed è inglese come il tè delle cinque.

 

Questi sono il movente e i mezzi. Ma, ehi, chi ha bisogno della logica quando il nome del gioco è Russofobia?

 

[Nota di VdE: stando a quanto dichiarato da Theresa May nel suo discorso al Parlamento di lunedì 13 marzo, l’agente nervino individuato nel caso Skripal non è il VX ma il Novichok, sviluppato per la prima volta dai sovietici tra gli anni ’70 e gli anni ’90; l’apparente anomalia può essere spiegata col fatto che l’articolo citato da PCR è di giovedì 8 marzo, quando ancora le autorità, da quanto riporta la stampa inglese, non avevano ufficializzato la natura dell’agente nervino. Anche l’articolo di PCR è del 13 marzo: è quindi plausibile che PCR non fosse ancora venuto a conoscenza della dichiarazione della May. Chiarito questo, vale la pena aggiungere che la formula del Novichok, secondo quanto riportato al Wall Street Journal da Ralf Trapp, uno dei massimi esperti internazionali di armi chimiche, fu oggetto di una fuga di notizie negli anni ’90 e da allora altri paesi potrebbero aver iniziato programmi per la sua produzione.]

 

L’intero mondo occidentale è impazzito. Come dice Michel Chossudovsky, i politici occidentali e la stampa prezzolata che li serve stanno portando il mondo all’estinzione.

 

Nota: sembra che il complesso militare/della sicurezza stia stringendo la presa sul regime di Trump. Il Segretario di Stato Tillerson è stato licenziato e sta venendo rimpiazzato dal direttore della CIA Pompeo. Gina Haspel, il nuovo direttore della CIA, è la persona che supervisionava le prigioni segrete di tortura in Thailandia.

Annunci

Lontano dagli occhi, lontano dal cuore?

img_4175

( Articolo Condiviso )

Nel momento di scrivere queste righe sta per essere lanciata una operazione poliziesca su larga scala a Calais. Una operazione che mira a deportare la totalità delle persone che abitano la zona chiamata Giungla, dove circa 7000 individui godono ancora di una certa autonomia, di rapporti di mutuo appoggio per far fronte alla precarietà e per organizzarsi nel tentativo di passare la frontiera. Dovrebbero essere suddivisi ad ogni angolo della Francia, secondo le considerazioni giuridiche ed amministrative e in maniera di levar loro ogni speranza di andare in fondo al loro cammino, alcuni nei «centri di accoglienza», altri nei centri di detenzione per immigrati. Un po’ come si differenziano i rifiuti. Calais, questo punto di passaggio quasi obbligato per migliaia di persone che — sotto costrizione, per necessità o per scelta — hanno lasciato i loro luoghi di vita, e si aggrappano malgrado la tormenta al desiderio di raggiungere l’Inghilterra.

Calais, un territorio dove poco più di un anno fa Eurotunnel ha eretto una trentina di chilometri di barriere metalliche, su diverse file, talvolta sormontate dal filo spinato, con profusione di telecamere, sistemi di sorveglianza ad infrarossi, chiusure elettrificate, vigili e unità cinofile. Il tutto per aiutare i poliziotti incaricati di impedire l’accesso all’Eurotunnel e al porto, i quali in qualche caso nel corso di scontri si sono fatti abbondantemente malmenare, allorquando in coloro a cui sono incaricati di rendere la vita impossibile si mescolavano rabbia, sostegno reciproco e volontà di superare o di abbattere gli ostacoli. Calais, dove un anno fa Eurotunnel ha disboscato massicciamente i terreni che costeggiano le linee ferroviarie, innanzitutto per fare piazza pulita per la videosorveglianza e togliere ogni possibilità di nascondersi, poi per inondare i terreni ed annichilire ogni tentativo di passaggio a fronte del rischio di annegare. Calais, dove lo scorso gennaio lo Stato ha fatto costruire un campo di container affinché sotto la minaccia di una espulsione imminente si ammassasse un numero scelto di persone, sotto la stretta sorveglianza di una associazione umanitaria (La Vie Active) e di un sistema di prelievo d’impronte digitali all’ingresso (costruito da una ditta della regione). Calais, dove come nelle strade di Parigi ed altrove, si contano a migliaia gli arresti, le reclusioni nei centri di detenzione per immigrati e le espulsioni forzate.

Calais, un territorio dove l’infamia viene messa a nudo.

Calais, dove l’arbitrio del potere sulla vita di tutti, e più violentemente su quella degli indesiderabili, non può essere negato.
Calais, dove si staglia alla luce del giorno la priorità data ai trasporti di merci e alla circolazione dei treni piuttosto che all’esistenza di esseri di carne e di sangue.
Calais, dove industria, affari e repressione banchettano al matrimonio dell’orrore e dell’indifferenza.
Calais, dove si cristallizza ciò che spadroneggia ovunque altrove.

A Calais quindi, continuano la costruzione ed il consolidamento delle frontiere visibili: a metà ottobre sono state poste le prime lastre di cemento, alte quattro metri, per costruire un muro fra la Giungla e il porto che costituisce una delle ultime possibilità di passaggio, dato che ogni giorno vi transitano diverse migliaia di camion. Un nuovo dispositivo che fa parte di un progetto più vasto di controllo del bestiame umano e di repressione di chi rifiuta di piegarsi, un progetto mostruosamente razionale, pensato, elaborato, discusso, adattato, negoziato, deciso con sangue freddo e lucidità da rappresentanti istituzionali, da politici di alto rango, da consiglieri, da alti funzionari di polizia e della Prefettura, da legislatori e giudici, da esperti, da imprenditori, da subappaltatori. Un progetto che genera grosse somme di denaro, tali da interessare una sfilza di imprese come Eurovia-Vinci incaricata della costruzione del muro, Sogea, altra filiale di Vinci incaricata della distruzione della zona sud della Giungla in febbraio e della costruzione del campo di container, l’ong Acted sovvenzionata dallo Stato e che collabora con la polizia alle frontiere per l’organizzazione dell’espulsione, le agenzie di noleggio delle macchine di costruzione Manitou, Salti e Kiloutou. Un progetto che non si limita a Calais e dintorni, e nel quale la SNCF [ferrovie francesi] ha la sua parte di responsabilità specialmente rafforzando i controlli che colpiscono i senza documenti nelle stazioni di Calais Fréthun, Paris Gare du Nord e Lille, collaboratrice di deportazioni verso l’Italia dalla valle della Roya nel corso delle quotidiane operazioni di controllo eseguite da militari e sbirri sui treni e sulle banchine ferroviarie. Anche Thalès ha organizzato un complesso sistema di sorveglianza del porto di Calais, e prodotto i due droni militari che sorvegliano il sito dell’Eurotunnel, e si vanta d’essere uno dei leader mondiali sul mercato della sorveglianza delle frontiere.

Per chi è venuto da lontano senza autorizzazione e senza pied-à-terre, lo Stato vorrebbe che esistessero solo due soluzioni: la reclusione in centri di detenzione (e la sua nuova declinazione sperimentata questa estate, la reclusione all’esterno, ovvero l’obbligo di dimora con firma quotidiana al commissariato) o un controllo serrato, attraverso procedure di richiesta d’asilo, «di scambio» (ovvero di rinvio forzato) in un altro paese europeo, di spostamento in alcuni centri. Ma se lo Stato riesce a rinchiudere dei corpi, fallisce nell’annichilire i loro cuori e le menti, come dimostra l’incendio di gran parte del centro di detenzione per immigrati di Vincennes all’inizio di luglio ad opera dei detenuti stessi, o i molteplici e incessanti tentativi di evasione. Quanto alle misure di controllo, malgrado i viziosi tentativi di associazioni ed organizzazioni umanitarie per farle accettare a quelli che sanno bene per quali ragioni le rifiutano, tutto lascia pensare che lo Stato, senza l’adesione di chi vorrebbe vedere docile ed obbediente, dovrà utilizzare la forza e la violenza per imporgliele. Svelando ancora una volta e senza pudore il solo volto che gli è proprio: quello dell’autorità.

Perché se esiste qualcosa di profondamente radicato negli esseri umani, oltre il tempo e lo spazio, è proprio la capacità di rifiutare il destino che è stato assegnato, a loro e ai propri simili, di rifiutare di piegarsi alle costrizioni esterne. È la volontà inalterabile di sfidare le potenze che li condannano a un destino totalmente tracciato. È da qui che la rivolta trae la propria forza. Dandosi dei mezzi, è sempre possibile rimandare un po’ delle loro responsabilità in faccia ai nemici della libertà.

Ciò che disgusta il cuore, che la mano attacchi

Sirventese della responsabilità

6613e9e1b0508518bfbb156c51993f74a90cd22b_m

( Articolo Condiviso )

Anne Archet
Chi è da biasimare
Quando una prigioniera si suicida?
Sapendo che le condizioni carcerarie
Sono orribili e disumane
Sapendo che le prigioni sono create
Per punire e far soffrire
Per causare ansia isolamento
Solitudine e disperazione.
Chi è responsabile della sua morte?
È la prigioniera stessa
Sfinita, svuotata d’ogni sostanza,
Incapace d’immaginare
E ancor meno di sopportare
Di viver un altro istante in quell’abisso
Senza uscita in cui è sprofondata?
Sono i secondini
Assoldati e pagati
Per isolare e torturare
Umiliare e disumanizzare
Perché questi sono gli ordini
Perché c’è da guadagnar la pagnotta?
Sono gli architetti e gli ingegneri
Che hanno concepito e costruito quel mostro
In cui ogni muro e ogni grata
Ogni spazio è stato pensato
In funzione della sua capacità
Di squartare gli individui?
Sono i politici
Che finanziano e mantengono quell’inferno
E che varano leggi paranoiche
Applicate senza remore da un giudice
Che ruba la vita a una condannata
Prima che lei se la tolga da sé?
È la classe sociale
Che ha creato la proprietà
Il governo i tribunali
La polizia e le prigioni
E se ne serve per i propri interessi
Schiacciando ogni cosa al suo passaggio?
Siete voi — sì, voi che leggete
Troppo contenti che esista la prigione
Che siano puniti i cattivi
Folli devianti perversi ladri
Che siano allontanati dalla vostra vista
E che giustizia — che è solo apparenza — sia fatta?
Oppure sono io, semplicemente
Che vivo in questo mondo-prigione
E che ogni mattina mi accontento
Di trascinare a terra le mie catene
Nella chimerica speranza
Che l’usura le spezzerà?
L’ urlo della rabbia